Isole nella corrente / Ernest Hemingway

Doveva essere grave e delicata e bella come Princessa prima d’innamorarsi e poi a letto sfrontata e dissoluta come lei. A volte di notte lui se la sognava questa principessa e nulla di ciò che avrebbe mai potuto accadere nella realtà sarebbe stato meglio di quei sogni.

 

 

Isole nella corrente è la prima delle pubblicazioni postume delle opere di Ernest Hemingway. Il libro, la cui scrittura era iniziata negli anni 1950-51, era stato originariamente destinato a rilanciare l’autore, dopo le recensioni negative che questi aveva ricevuto per Di là dal fiume e tra gli alberi.

Il romanzo, in origine, nelle intenzioni di Hemingway, doveva comprendere tre storie che dovevano illustrare diverse fasi della vita del protagonista, Thomas Hudson; le tre diverse parti dovevano essere intitolate “The Sea When Young”, “The Sea When Absent” e “The Sea in Being”. In seguito, i titoli furono cambiati in “Bimini”, “Cuba” e “Al mare”. 

La storia ha avuto nel 1977 un adattamento cinematografico intitolato Isole nella corrente, per la regia di Franklin Schaffner.

 

Genesi dell’opera

All’inizio del 1950 Hemingway iniziò a lavorare a una trilogia del mare costituita dalle tre sezioni, “The Sea When Young” (ambientato a Bimini), “The Sea When Absent” (ambientato all’Avana), “The Sea in Being”. Quest’ultimo fu pubblicato nel 1952 col titolo Il vecchio e il mare. A questi s’aggiunge un racconto inedito intitolato “Sea-Chase” che la vedova ha poi unito con le storie precedenti sulle isole: il tutto, rinominato Islands in the Stream, fu infine pubblicato nel 1970.